Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
importanti      furono      quelle      dell’ Arcivescovo       Carlo       Berlingieri (1679   -   1719)   che   ricorda      l'opera sua   nella   lunga   epigrafe   posta   in alto   sulla   facciata.   È   da   attribuire a   lui   il   bel   soffitto   ligneo   casset- tonato.     Molto     importanti     sono anche   i   restauri   dell'   Arcivescovo     Carmelo Pujia  (1905 - 1927). All’interno    della    Cattedrale,    nella navata     di     sinistra,     si     nota     un affresco   datato   alla   fine   del   sec. XVI   con   la   Vergine   in   trono,      S. Francesco   di   Paola   e   Gioacchino da Fiore.  Più   avanti   la   cappella   di   S.   Leone con   un   altare   in   marmi   calabresi fatto      costruire      dall'Arcivescovo Alfonso     Pisani.     Di          fronte,     la cappella   del   SS.   Sacramento,   con l'altare in marmi mischi barocchi.
Cattedrale Santa Anastasia
Facciata    della    Cattedrale    posta sul   lato   settentrionale      dell'ampia e    magnifica    piazza    che    fin    dai documenti    del        XVI    sec.    si    è sempre      chiamato      il      CAMPO, denominazione        finalmente    resti- tuitaci    con    la    nuova    toponoma- stica   varata      per   il   centro   storico   il 2006 dal sindaco Bruno Cortese. La       fondazione       originaria       di Ruggero     di     Stefanunzia     (1274- 1293)   venne   più   volte   ricostruita   e restaurata    nel    corso    dei        secoli. Della   primitiva   struttura   bizantina- normanna    rimane    il    solo    portale centrale   della   facciata   mentre   con le    modifiche        apportate    finì    con l'assumere     le     caratteristiche     di una   basilica   romana   a   tre   navate con grande cupola policroma. Oltre        alle        modifiche        degli arcivescovi   Alfonso   Pisani   (1586- 1623)    e    Antonino    Ganini    (1763- 1795),   che   fece   aggiungere      due piani alla torre campanaria, le più
Nella    navata    centrale    degno    di nota   il   pulpito   in   marmi   calabresi con      colonne      di      granito      con bassorilievi   ornamentali   e   con      un pannello       centrale       raffigurante Gesù   fra   i   Dottori,   epoca   in   cui   era Arcivescovo       Fausto       Caffarelli (1624-1651).   Lo      splendido   altare centrale    di    marmi    policromi    con rilievi     barocchi     e'     stato     posto dall'Arcivescovo Ganini.
Nella    navata    di    destra    la    prima cappella   e'   dedicata   al   Crocefisso di   recente   restaurato,   reliquia   del XVI   Secolo.   Sempre   nella   navata di   destra   si   incontra   la   cappella   di S.        Anastasia,        con        arcata d'ingresso     tufacea,     altare     con fastigio   di      marmi   verdi   e   neri   locali fatti      sistemare      dall'Arcivescovo Pisani.    Sul    muro    di    destra    un grande       affresco       di       Cosma Sampietro         ci         ricorda         la deposizione della Santa Patrona.
Foto: Maurizio Ziparo
santaseverina.eu
Foto: Prof. Pino Barone
Sull'altare    copia        del    quadro    di Fabrizio      Santafede      (l'originale, data    l'importanza    dell'    opera,    è esposto nel Museo Diocesano ). Nella   stessa   navata,   di   fronte,   è   la cappella     della     Madonna     degli Angeli,   prospetto   architettonico   in tufo,   fastigio,   colonne      in   marmo verde di Calabria (datata 1611).