Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
Nicolò D’Alfonso (1853-1933)
Nel    complesso    Nicolò    D’Alfonso può      essere      definito      cospicuo rappresentante     della     cultura     di stampo   hegeliano,   con      venature positivistiche,     che     improntò     la realtà   italiana   nella   seconda   metà dell’Ottocento. Francesco     D’Alfonso     dedicò     al suo antenato i libri: Nicolò    d'Alfonso.    Ritratto    di    un intellettuale     indipendente.          Bio- grafia.    (2014),    e    “L’Onesto    soli- tario” (2015). 
santaseverina.eu
Altra   figura   di   primo   piano,   nello scenario     culturale     della     nostra cittadina,    fu        Nicolo'    D'Alfonso.      Singolare     figura     di     filosofo     e medico,      ebbe      la      cattedra      di pedagogia   al   Magistero      di   Roma e,   nello   stesso   periodo,   frequento' come     medico     di     corte,     Casa Savoia.      Alla   sua   morte,   la   salma fu   portata   da   una   carrozza   reale ed    al    funerale,    svoltosi        nella Basilica   di   Santa   Maria   Maggiore. Era         presente         la         classe intellettuale,        politica    e    religiosa della   Capitale,   compreso   il   conte Galeazzo               Ciano               in                 rappresentanza       del       Governo Fascista.
Mons. Carmelo Pujia: 25 Okt. 1852 - 20 Aug. 1937
Arcivescovo   di   Santa   Severina   dal 1905   al   1927.      Nel   primo   decennio del     secolo     scorso,     ci     informa Paolo    Orsi,    l'Arcivescovo    Pujia,      avvalendosi         dell'opera         dell' architetto   Giuseppe   Pisanti   (1826- 1913)     e     del     pittore          Cosma Sampietro,    trasformo'    la    vecchia Chiesa    in    una    sfarzosa    basilica romana  rilucente di ori e di colori. 
Tali   lavori,   dice   Orsi,   avvennero   in gran    parte    senza    concorso    dello Stato        ed        all'insaputa        della Soprintendenza   dei      monumenti   di Napoli.   Questi   lavori   costarono   al Pujia   167.000   lire,   somma   enorme per quei tempi. Non   furono   solo   questi      i   meriti   di quella    Famiglia:    avvalendosi    dell' opera    del    fratello    mons.   Antonio, dette   vita   alla   rivista   di   storia   patria     SIBERENE   che   dette   un   notevole impulso    al    rilancio    culturale    della cittadina   dove   intanto   era   venuto   il prof.   Orsi   per   la      sue   indagini   che additarono   al   mondo   della   cultura l'importanza    storica,    religiosa    ed artistica di Santa Severina. Dr. Francesco De Luca