Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
Angelo De Luca (? - 1514)
Angelo   De   Luca   fu   il   comandante della       guarnigione       di       Santa Severina     durante     gli     assedi     di       Andrea Carafa.  
Il   sarcofago   era   posto   in   uno   dei bracci     all'interno     del     Battistero. Dopo    il    terremoto    del    1783    e l'occupazione          militare          dei Francesi,        minacciando    rovina    il nostro   Convento   dei   Domenicani, l'    Arcivescovo    del    tempo,    Mons. Salvatore   Pignataro   ordino'   che   si     fossero     levati     via     i     tetti     della Chiesa    e    del    Convento    (1813- 1823). In    quel    lavoro    di    demolizione    fu scoperchiato   il      sarcofago   in   pietra di   uno   dei   più   popolari   Capitani   di S.Severina, Angelo Del Duca. Di   lui   furono   trovate   le   ossa,   che da   Nicola   Apa   furono   poi   raccolte e     poste     in     un     sepolcro     nella Sagrestia.       Vi       si       trovarono,         insieme,   il   cimiero,   l'armatura   e   la spada del leggendario Capitano.
santaseverina.eu
Oggi   del   sarcofago   non   resta   che il   coperchio   ed   i   leoni   in   pietra   che lo   sostengono.   Il   tutto   e'   in   corso di   restauro   per      essere   trasferito nel            Museo    Diocesano     .    Santa Severina   gli   ha   intestato   una   via   e Antonino        Cosco,        importante scrittore      calabrese,   ha   scritto   di lui un romanzo storico.
Giulio Antonio Santoro (6. Juni 1532 – 9. Mai 1602)
Personaggio    controverso,    rigido custode   dell'ortodossia   cattolica   e     nemico   inflessibile   di   ogni   tipo   di eresia.  Nel       1566       viene       nominato Arcivescovo    di    Santa    Severina ma,      soprattutto,   in   quello   stesso anno   Pio   V   lo   nomina   Consultore del   S.      Uffizio.   Nel   1570   diventa Cardinale. Troppo    preziosa    era    l'opera    sua specie   dopo   la   nomina   da   parte   di Pio   V   di   Consultore   del   S.   Ufficio. Non   si   dimentichi      però   che   fu   il SOMMO      INQUISITORE,      parte- cipando   a   diversi   processi   contro personaggi        importanti        come l'Arcivescovo    di        Toledo    Barto- lomeo       Carranza,       Primate       di Spagna   o   contro   Giordano   Bruno per   il   quale   firmera'   la   condanna   a morte sul  rogo di Campo dei Fiori. 
Pèr     quanto     riguarda     la     nostra Sede        acquisto'        il        palazzo adiacente   alla   Cattedrale   e   dette vita   al   Seminario   che   fu   uno   dei     primi      istituiti      in      Calabria.      Si prodigo'    nell'appoggiare    il    fratello Francesco   Antonio   ed   il   nipote   da parte   materna   Alfonso      Pisani   che realizzarono   durante   i   loro   governi importanti risultati per l'Arcidiocesi. Dr. Francesco De Luca