Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
Andrea Carafa, Conte di Santa Severina (? - 1526)
Considerando     vera     la     data     di matrimonio   di   Galeotto   (1469)   ed il      fatto      che      Andrea      fu      il        terzogenito,    dobbiamo    desumere che    la    sua    data    di    nascita,    che nessuno    riporta,    non        avvenne prima   del   1474   e   che,      essendo storicamente   accertato   in   maniera univoca,      l'anno   della   sua   morte avvenuta      nel      1526,      bisogna stabilire   che   la   sua   vita   ebbe   una     durata di circa 52 anni. Fra   i   tanti   personaggi   che   hanno scritto   la   storia   del   nostro   paese, Andrea   Carafa   fu      fra   i   massimi protagonisti: nel bene e nel male. Qui,   in   breve   le   stazioni   di   vita   di Andrea Carafa: 1496 :   Federico   III   gli   concede   in feudo    Santa    Severina    con    regio decreto del 14 Ottobre.
1502:     Combatte     vittoriosamente sotto      la      bandiera      del      gran Capitano   Consalvo.      1503:   Ottiene dal   Consalvo   l'estensione   del   suo dominio   a   San   Mauro,   Scandale, Turrotio     e     S.     Stefano.     1506: Conquista     Santa     Severina     che piomba   così   nella   servitù   feudale. 1512:   Carafa   partecipa   alla   guerra fra   Spagnoli,   Francesi   e   Italiani   ed e'   coinvolto   nella   rotta   di   Ravenna. A    Santa        Severina    si    sparge    la voce   che   Carafa   in   questa   guerra ha   trovato   la   morte   e   il   popolo   si riappropria   della   citta'      scacciando la   guarnigione   del   conte   che   era rimasta      al      suo      presidio.      Ma Carafa,   tornato   a   Napoli,   si   rivolge al   vicerè      Raimondo   di   Cardona che    invia    all’università    di    Santa Severina   ordine   scritto   di   rimettere il   Conte   nel   possesso   della      Città. Santa    Severina    si    difende,    ma Carafa,     con     la     forza     di     2.000 uomini   circonda   la   città   ed   scatena una     battaglia          sanguinosa.     La battaglia     è     impari,     perché'     il Carafa   si   avvale   di   potenti   pezzi   di artiglieria. 1514:    Determinante   per   la   resa   è la     morte     di     Angelo     De     Luca. Carafa   torna   in   possesso   di   Santa Severina
santaseverina.eu
1520 :         Acquista   la   terza   parte   del castello   di   Tora   e   la   città   di   Vico (quest’ultima     per     16.000     ducati d’oro).    Aveva     già          edificato     a Napoli    la    Cappella    Carafa    nella Chiesa    di    San    Domenico    ed    il palazzo di Pizzofalcone. 1525 :        Eletto    Viceré    di    Napoli    il Carafa,   una   volta   raggiunta   la   più alta    carica    del    Regno,    placa    le repressioni    e    concede        alla    sua città,   non   più   ferito   nell'orgoglio,   le COSTITUZIONI      E      STATO      DI SANTA    SEVERINA    che    nei    59 articoli   concede   il      suo   assenso   su tutte    le    richieste    inoltrategli    dalla chiesa   e   dalla   gerarchia   laica.   In quel    periodo    inizia    i    lavori    del castello      che   saranno   completati dai suoi successori. Nel   tracciare   un   profilo   politico   ed umano   di   Andrea,   non   possiamo fermarci            alla            parentesi santaseverinese      ed      alla      sua        violenta     repressione.     Dobbiamo considerare     il     feudo     di     Santa Severina        piccola        cosa        se guardiamo     alla     sua     importanza       economica,   a   raffronto   con   tutti   i beni   che   aveva   accumulato.   Fra   le città   ed   i   feudatari   erano   ricorrenti le ribellioni e gli  scontri armati.
Gli     storici     locali,     trattando     di Andrea   Carafa,   hanno   ristretto   le loro         ricerche         al         periodo dell’occupazione           e           della repressione        senza    allargare    il campo.     È     evidente     che     se     si segue   quel   metro   di   giudizio   non   si può   non   vedere   il   Carafa   come   il     tiranno    spietato    e    crudele,    colui che,   disattendendo   i   decreti   regi   di Federico    III    e    di    Ferdinando    il Cattolico,    non    esitò    ad        imporsi con    la    forza    delle    armi    ad    una popolazione    che    si    considerava ingiustamente   privata   della   libertà e   dell’   autonomia      delle   quali   da tempo      godeva.Quando      Andrea Carafa    morì    e    gli    succedette    il nipote   Galeotto,   per   la   cerimonia di   insediamento   fu   chiamato   Giano Teseo            Casoppero,      il      noto umanista    cirotano.    Egli    svolse    la prolusione    e    disse    di    Andrea:    Vivo   specchio   di   virtu',   esempio   di     uomo   saggio,   astro   splendente   del nostro    tempo    ”.    Da    notare    che Andrea   Carafa   fu   il   primo   Italiano ad    essere    nominato        Vicere'    del Regno di Napoli. Dr. Francesco De Luca