Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
L’iconoclastia     imperversava     nell’ Impero     d’oriente;     i     Longobardi premevano        alle    porte    di    Roma che,    non    soggetta    all’imperatore bizantino,   non   poteva   considerarsi del   tutto   indipendente.   La   Politica di   Papa   Zaccaria   mirò   soprattutto a    sottrarre    il    ducato    romano    alla soggezione di Bisanzio. Mentre       Gregorio       III,              suo predecessore,     si     era     mostrato favorevole   a   Trasamondo,   duca   di Spoleto,     Zaccaria     s’intese     con Liutprando,    re    dei        Longobardi, ottenendo     la     restituzione     delle Città   di   Amelia,   Orte,   Bomarzo   e Bieda che riunì al ducato Romano. Fu        Zaccaria        a        convincere Trasamondo   a   cedere   il   potere   ed a    farsi    monano    Nell’incontro    di Terni     Liutprando     restò     talmente soggiogato   dall’eloquenza   calda   e persuasiva   di   Zaccaria   e   dalla      sua fede    pacifista    da    restituire    quei territori   della   Sabina   non   a   Roma ma   come   dono   personale   al   Papa considerato      Santo:   eidem   sancto Viro       easdam       civitates       cum habinatoribus traderent”. Gli    undici    anni    del    pontificato    di Zaccaria   furono   intensi   e   ricchi   di opere   che   non   si   esauriscono   in quelle,   già   tanto      santificate,   che abbiamo         menzionate.         Egli tradusse   i   quattro   Libri   di   Dialoghi di   Gregorio   Magno   in   quella   che era la sua  lingua madre, il greco.
Fu        Mons.        Carmelo        Pujia, Arcivescovo   di   Santa   Severina   dal 1905    al    1927,    a    fare    opporre    la lapide   che   si      trova   sulla   facciatadi una casa in Corso Aristippo.
La     statua     di     Papa     Zaccaria, sistemata   nel   chiosco   dell'Abazia di   Montecassino   che   lo   ebbe      fra   i suoi benefattori.
Altre     opere     notevoli     di     Zaccaria furono   la   ristrutturazione   e   l’amplia- mento   dell’Abazia   di   Montecassino e    l’importante        sistemazione    della Biblioteca Vaticana.
santaseverina.eu
Papa Zaccaria (Santa Severina 679 - Roma 15 Marzo 752)
Oltre   al   parere   degli   storici   locali che     propendono     per     la     citta- dinanza    Severinate    di        Zaccaria, citiamo      quanto      scrive      Cesare Cantu'   nella   sua   colossale   opera   in 35      volumi:   " Alla   morte   di   Gregorio III   succedette   nella   sede   pontificia Zaccaria   di   Santa      Severina   nella Magna     Grecia."         Aderiscono     a questa    tesi    eminenti    storici    fra    i quali       Lenormant,       i       tedeschi Willemsen            e      Odenthal,      il Cardinale   Bartolini   nella   biografia del Papa.
Zaccaria   è   anche   segnalato,   nella storia   del   papato,   per   la   condanna del   prete   Virgilio   che,   insegnando la   teoria   degli      antipodi,   ne   traeva la    conseguenza    che    vi    fosse    un altro        genere        umano        non discendente   da   Abramo   e   quindi non   redento      dal   sangue   di   Gesù Cristo.
È   stato   un   letterato   italiano,   attivo nella   corte   normanna   del   Regno   di     Sicilia.   Fu   uno   dei   primi   traduttori dal   greco   di   opere   scientifiche   e     filosofiche di cui si abbia notizia. Illuminava    il    suo    periodo    con    la traduzione     dei     capolavori     della cultura          greca     da     Platone     ad Aristotele e Tolomeo. Carmelo    Pujia,    nella    sua    rivista, dedicò tre  capitoli ad Aristippo. Nel   1990   il   prof.   Marcello   Gigante, presidente             dell'Associazione Italiana      Cultura      Classica,      nel convegno     di     studi     tenutosi     a       Santa            Severina,            sposo' l'affermazione      di      Giovanni      di Salisbury    che    descrive    Aristippo con    queste    parole:            “Graecus      interpres     natione     severinatus”     , Che     significa:     Traduttore     greco della stirpe severinese. Dr. Francesco De Luca
Enrico Aristippo (1105/1110-1162)