Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
Ulteriori Monumenti a Santa Severina
Così     detta     perchè     apparteneva anticamente     ad     un     opera     di beneficenza. Si      incontra      scendendo      dalla Piazza     “campo”     verso     il     lato occidentale   dell’abitato   e   delimina la    piazzetta    intestata    a    Marcello Gigante,      cittadino      onorario      di Santa Severina. Radicalmente        ristrutturata        è costituita      da      un’unica      navata rettangolare    che    termina    con    la possente    abside,    arricchita    nella parte     superiore     da     un     motivo decorativo   costutuito   da   un   doppio filare   di   mattoni,   posti   a   zig-zag   a forma    di    coltello.    Questa    parte absidale     è     quel     che     resta     di originale   della   vecchia   costruzione e,   secondo   le   ipotesi   più   attendibili (Paolo       Orsi,       S.       Bernardo), segnerebbe,       nella       evoluzione artistica     della     città,     il     preciso passaggio       alle       forme       d’arte normanna,      assegnandosene      la fondazione   ad   un   periodo   coevo   o di   poco   posteriore   a   quello   della Chiesa di Santa Filomena.
santaseverina.eu
L’intero       complesso       è       stato recentemente     restaurato     e     l’ex convento   è   attualmente   adibito   a sede       della       LALEO       (Libera         Accademia   delle   Lingue   Europee ed     Orientali),     sede     decentrata dell'Università   per   Stranieri   "Dante Alighieri" di Reggio  Calabria.   Alfonso     Frangipane          così     la descrive:   “Chiesa   di   S. Antonio   del Convento   dei   Francescani   minori ...     Portale     di          pietra     tufacea cordonato,      con      stemmi      (XVII Sec.);      interno,      soffitto      ligneo dipinto     a     cassettoni,     cappelle laterali    con    tracce        di    affreschi (istorie    francescane,    sec.    XVII), sacello      marmoreo      dei      duchi Sculco,     iscrizione     (1666),     coro ligneo intagliato  (sec. XVII).
Chiesa dell’Addolorata, XI sec. Nata   in   periodo   bizantino   essa   fu la prima nostra cattedrale. Sicuramente   datata   del   1036   per come   risulta   da   una   delle      lapidi che      abbiamo      segnalato      nella Cappella    del    Crocifisso.    L'attuale chiesa     in     fase     di     restauro     e costruita     sull'antico          impianto, viene assegnata al 1600.
Chiesa di San Antonio XII sec.
Chiesa Santa Lucia XII sec.
San Domenico
Il   convento   dei   Padri   Domenicani con    la    chiesa    dedicata    al    suo Fondatore    sorgeva    a    nord    della città,      presso      Porta      Nova      a        strapiombo       sulla       rupe       che dominava   la   vallata   lungo   l’   asse che   da   questa   si   inerpicava   verso l’ abitato. Gioacchino    di    Fiore    assegna    la data   di   fondazione   del   convento   al 1482   con   il   titolo   di   “L’Annunziata”. Silvano    Cavarretta    che    da    anni      ha    acquistato    il    sito    diventato, grazie       al       suo       appassionato impegno     supportato     da     Bruno Cortese     (ex     sindaco     di     Santa       Severina),          un          importante riferimento storico della città. Dr. Francesco De Luca