Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
© 2015 Santa Severina
Alla     fine     degli     anni     venti     fu restaurata    anche    dall’architetto    e Archeologo            Pietro      Loiacono.        Notevole    esempio    di    fusione    di forme     strutturali     bizantine     con elementi  decorativi normanni.
Chiesa di Santa Filomena o Pozzoleo
Foto: Prof. Pino Barone
santaseverina.eu
È      considerata      come      l'ultimo bagliore    della    civiltà    bizantina    in Calabria ed  assegnata al sec. XII. Paolo     Orsi,     nei     suoi     studi     sul nostro   patrimonio   artistico   così   ne scrisse:      "Per   l'eleganza   della   sua forma     e     la     ricercatezza     delle decorazioni   dei      portali,   per   l'alta   e svelta   cupoletta   di   15   archi   e   16 colonnine           sormontati           da             capitellucci      decorati      di      forme sempre       variate       sul       motivo fondamentale   del      cesto   di   foglie, essa   dovette   nascere   come   chiesa aristocratica ...”.
Foto: Prof. Pino Barone
L’entrata       a       doppio       portale, abbastanza         inconsueto,         e' spiegato   da   Pietro   Loiacono   che fa   riferimento   ai   costumi   ortodossi     secondo    cui    le    donne    dovevano usare    una    via    d'accesso    diversa dagli    uomini    per    realizzare,    nel posto   che   occupavano      in   chiesa, una   separazione   dal   settore   che ospitava   i   maschi.   Teoria   originale ed   interessante   che   non   ci   risulta ripresa  da altri. Dr. Francesco De Luca
Foto: Prof. Pino Barone