© 2015 Santa Severina
Santa Severina - La nave di pietra Sito storico-culturale di Santa Severina
santaseverina.eu
Questo      suo      passato,      queste radici    culturali    rimaste    vive    nei secoli,       hanno       continuato       a produrre   i   loro   effetti   anche      nei tempi     moderni     assegnando     a Santa     Severina     un     ruolo     di assoluta          preminenza          nel marchesato       crotonese.       Dopo l'unità         d'Italia   eminenti   scienziati come         Diodato   Borrelli      e         Nicolò D'Alfonso        rinverdivano    coi    loro studi    quella    tradizione    culturale      che   intanto   traeva   linfa   vitale   dal glorioso   Ginnasio,   uno   dei   primi   in Calabria,   integratosi   poi   in   Liceo, punto   di   riferimento      primario   per le attività  culturali nella provincia. Dr. Francesco De Luca
Questo    consolidato    sistema    di autonomia    e    di    libertà        viene scosso   ed   abbattuto   da   Federico d'Aragona     quando,     con     regio       decreto    del    14    Ottobre    1496, concede    in    feudo    ad           Andrea Carafa        futuro    luogotenente    del Regno   e   suo   eroico   generale,   la     nostra    città.    E    si    spiega,    dati questi   precedenti,   la   riluttanza   e la        fiera        opposizione        dei santaseverinesi   a   farsi   infeudare. E'      quello   il   periodo   degli   assedi   e della      resistenza      ad      oltranza prima   che   Santa   Severina   piombi nella   servitù   feudale,      aggravata dall'ira   di   Andrea   che   si   vendica confiscando,     uccidendo,     oppri- mendo.   Morto   Andrea   senza   figli gli   subentra   il   nipote   Galeotto   che interviene   col   suo   patrimonio   per alleviare   lo   stato   di   miseria      in   cui versa   la   popolazione   e   costruisce nel   Castello   il   Belvedere   ricavato nello   spazio   interposto   tra   i   due bastioni   del   lato      orientale.   Dopo   i Carafa   saranno   i   Ruffo,   gli   Sculco e    i    Grutther    ad    avere    in    feudo Santa    Severina.    Il    1806    venne abolita la feudalità.
Nell'800   Santa   Severina   è   uno   dei tanti    paesi    meridionali    che    vive supinamente   prima   sotto   i   Borboni e poi nell'Italia unita. Ad   affrettarne   l'irreversibile   stato   di decadenza          contribuisce          il tremendo   terremoto   del   1783   che riduce   un   cumulo   di   rovine   il      Rione Grecia     tanto     da     provocare     da Parte   dell'Arcivescovo   Pignataro   la chiusura di quella parrocchia. Dopo il terremoto in Rione Grecìa. Foto: Prof. Pino Barone Nel    1950    si    celebra    in        Piazza Campo   il   varo   della   riforma   agraria che   affranca   i   nostri   braccianti   e   li inserisce    nel    nuovo    processo    di sviluppo            dell'Italia      risorta      a democrazia      dalle      rovine      della guerra.
Foto: Prof. Pino Barone
Questa    in    breve    sintesi    la    storia ricca    di    avvenimenti    lieti    e    tristi quasi   tutti   documentati   ma   a   volte incerti,    avvolti    da    un        alone    di mistero,    dipanatisi    in    oltre    due millenni      e      che      hanno      visto protagonisti   re   e   principi,   strateghi e generali, conti e  duchi.